Ebay, palline vendonsi…

19 Gennaio 08

Tante le immagini che in questi giorni sono balenate dinanzi agli occhi di tutti noi dalla cronaca: dalla ormai onnipresente spazzatura non smaltita delle nostre regioni alle indagini sulla moglie del guardasigilli Mastella, dalle tenerezze dell’orsetto di Norimberga alle presunte “censure” papali.

Tra le tante immagini italiane e d’oltreconfine, quelle di Piazza di Spagna, o più precisamente della bellissima scalinata di Trinità dei Monti, a Roma, hanno fatto il giro del globo, grazie alla trovata del futurista Graziano Cecchini, ormai noto alle cronache per le sue… opere dalla preponderante estremizzazione dell’impatto mediatico (molti di voi ricorderanno di certo lo spargimento di un colorante rosso nelle acque della Fontana di Trevi, qualche mese fa).
Al di là del forte impatto sull’immaginario collettivo e, di conseguenza, mediatico, la cascata delle 500mila palline colorate (atto a denuncia, secondo l’artista, della situazione drammatica dei rifiuti in Campania), l’episodio ha scatenato una sorta di “caccia al reperto artistico”: come pezzi di un mosaico, le palline colorate sono state infatti raccolte dai passanti e… messe in vendita come pezzi d’arte. Cercando infatti sul più diffuso portale per l’e-commerce, ebay, è possibile rilevare decine e decine di inserzioni che propongono le “bellissime palline colorate di Trinità dei Monti” a prezzi che oscillano dai 2-3 Euro a 10 Euro ed oltre. L’immagine che segue mostra le varie inserzioni al giorno 18 Gennaio (clicca sull’immagine per ingrandirla):

palline-spagna-inserzioni-bay.jpg

Visibili anche al seguente link (soltanto, naturalmente, per i giorni rimanenti al termine delle aste on-line):

http://search.ebay.it/search/search.dll?from=R40&_trksid=m37&satitle=piazza+spagna&category0=

Che questi particolari “pezzi” dell’opera siano autentici o meno non è dato saperlo; appare piuttosto lecito osservare quanto l’arte contemporanea spinga sempre più nella direzione del colpo di scena e dell’oggetto quotidiano come mezzo allegorico per deformare e riformare il reale… e quando l’Arte discende dai piedistalli dei Musei per affacciarsi alla strada e comunicare in maniera diretta e, talvolta, più efficace, allora non c’è più legge che freni la comunicazione… nemmeno quella del libero mercato.

(Grazie a Mahyo per la segnalazione)

Scheletri in piazza

Pittore, scultore, filosofo ed architetto: Gino De Dominicis, un artista che vide la sua fama soprattutto nell’arte della provocazione.

In questi giorni, nel centro di Milano, a pochi passi dal Duomo, c’è uno scheletro. Uno scheletro, opera del fu De Dominicis, che ha più di una particolarità: è “alto” 24 metri, tra cranio, gabbia toracica, femori, ed è completamente adagiato al suolo. Sembrerebbe tutto “normale”, se non fosse per uno strano naso, aquilino, dalla insolita lunghezza. Una lunghezza che ricorda quella del naso di Pinocchio, un naso che tendeva ad allungarsi quando il burattino animato proferiva una bugia. Quasi ad indicare, a suggerire che le bugie, le menzogne, le falsità hanno lunga, lunga vita…

fonte: repubblica.it

L’Arte di Julian Beever

julian_beever.jpg

Un amico mi ha fatto conoscere l’Arte di Julian Beever, un cosiddetto madonnaro moderno. Ogni città ha sotto i suoi occhi, giornalmente, writers che esprimono la propria Arte sui muri, o, per l’appunto, madonnari che usano le “pareti orizzontali” dei marciapiedi per creare raffigurazioni. Julian Beever è qualcosa in più, grazie ad un eccellente uso dei meccanismi e delle illusioni della prospettiva. Le immagini che seguono sono una raccolta delle sue opere (cliccare sulle immagini per ingrandirle):

3d-bottle-painted-on-sidewalk.jpg blair.jpg beever1.jpg fountain.jpg

sosie.jpg waterfall.jpg detect2.jpg detect3.jpg detect4.jpg

immagini tratte da:

http://users.skynet.be/

http://www.hc.lv/

http://www.coolopticalillusions.com/

L’Arte di Banksy

Banksy (nome d’arte: il suo vero nome è nell’ombra) è un writer 28enne, inglese, precisamente di Bristol, che deve la sua fama all’originalità e all’estrema versatilità che riserva per le sue opere artistiche. Le sue creazioni vanno da istallazioni originali metropolitane (l’istallazione di una ganascia blocca-dischi dei freni ad una statua con carro e cavallo trainante è decisamente originale!), alla realizzazione di opere murarie per temi sociali, tra cui una delle più celebri – realizzata nell’arco di una sola notte stellata – riguarda la realizzazione di un immaginario varco sul muro di Gaza, all’insegna di una libertà anelata da tutti i cittadini civili abitanti di quelle zone. Ecco una carrellata delle opere del misterioso writer britannico:

official web site: banksy.co.uk