Lucariello – Love song

5 Febbraio 08


Quello che segue è un estratto delle note di pubblicazione, su YouTube, del video del bellissimo brano di Lucariello:

“Il video proietta la musica di Lucariello direttamente nei vicoli della sua città, Napoli, partendo da una delle leggi non scritte che, paradossalmente, governano i quartieri, quella del divieto di usare il casco. Una consuetudine che deriva dalla profonda tensione e radicata violenza che si respirano per le strade di Napoli. La guerra di Camorra impone di non usare il casco per evitare di essere scambiati per assassini al soldo di chi sa quale “boss”.
Una provocazione, quella di Lucariello, volta a denunciare l’assurdo sistema di cose, partendo da un dato banale come quello degli adolescenti in motorino. Un video in cui i visi coperti dei due protagonisti si alternano a quelli di persone comuni come fioristi, baristi, passanti, tutti con il volto celato da una calza di nylon, simbolo, nell’immaginario collettivo, proprio del delinquente rapinatore. […] Proprio durante le riprese, i protagonisti, due ragazzi di 17 anni, Valentino e Stefano Colasurdo, indossando caschi integrali, sono a bordo di un motorino e girano per le strette vie di Napoli. La troupe incaricata delle riprese, con Lucariello a bordo della vettura, fà da apripista, i ragazzi seguono a breve distanza – come da copione – in sella al motorino. È sufficiente una breve distrazione, una maggior lontananza tra i due veicoli sulla scena, che gli sventurati attori sono subito intercettati da un gruppo di individui, poco più grandi di loro e con intenzioni tutt’altro che amichevoli. I due ragazzi vengono bloccati, privati dei caschi, schiaffeggiati e insultati. Il manipolo di facinorosi, scambiandoli per veri killers, non ha esitato a farsi giustizia da sé.”