13 Settembre 2007, la rivolta della pastasciutta

Rinunciamo all’acquisto di qualsiasi tipo di pasta asciutta per un giorno.

E’ quanto annunciano quattro associazioni per la tutela dei consumatori (Adoc, Adusbef, Codacons e Federconsumatori) per contrastare i salati rincari governativi sui beni alimentari di prima necessità, per richiedere una regolarizzazione dei costi di benzina, bollette dell’elettricità e costi dei trasporti, e per richiedere, attraverso un gesto fortemente simbolico, un tavolo di confronto col presidente Prodi.

“La nostra – sottolineano le associazioni in una nota – vuole essere un’iniziativa di denuncia e di proposta, perché si intervenga nella questione degli aumenti dei prezzi e delle tariffe, sia quelli già realizzati che quelli annunciati nelle prossime settimane”.

Annunci

One thought on “13 Settembre 2007, la rivolta della pastasciutta

  1. in effetti qui + si va avanti e + la vita si avvicina all’impossibile, oramai qualunque sia il governo i cittadini italiani si ritrovano sempre + bollette e beni aumentare e nn di poco, forse bisognerebbe saper sfruttare un po meglio le nostre risorse invece di venderle hai paesi esteri…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...