Pensierini da bambini

rossi.jpg

“Dipende da come ognuno vive con le proprie debolezze e getisce i propri vizi. Non necessariamente uno che beve diventa violento e uno sobrio è una brava persona… non è così automatico. Quindi non si può pensare male di un bevitore e bene di un astemio. Non si può generalizzare, non si deve”.

Dal Numero 16 del mensile XL

“I crimini commessi in nome di Dio dai suoi cosiddetti ministri sono molto di più dei presunti miracoli dei suoi santi”.

Dal numero 15 del mensile XL

“Le mie canzoni non sono scritte per la pubblicità”.

Dal numero 14 del mensile XL

“E… Vuoi da bere Vieni qui Tu per me Te lo dico sottovoce Amo te Come non ho fatto in fondo con nessuna resta qui un secondo
E… se hai bisogno e non mi trovi cercami in un sogno amo te quella che non chiede mai non se la prende se poi non l’ascolto
E… uo… e…. sei un piccolo fiore per me e l’odore che hai mi ricorda qualcosa va bè… non sono fedele mai forse lo so”

“E…” , dall’album “Buoni o cattivi”

“forse non lo dici però lo fai e questo non è onesto…vero
forse non lo dici però lo sai e non andrai in para… …diso
forse non lo dici però lo fai e questo non è mica …bello
forse non lo dici però lo sai e quindi sei un reci… …divo

come stai…
ti distingui dal luogo comune
ti piace vivere come vuoi
e vuoi rispondere solo a te “

“Come stai”, dall’album “Buoni o cattivi”

” […] Sembra che sia questa la vita moderna lasciatemelo dire è una vera indecenza che si debba nascere per morire avendo una coscienza per capire. Viviamo tempi nuovi molto diversi da quando c’era dio con tutti i santi che si sapeva come dovevi fare per guadagnarti il paradiso e il pane […] “

Dal numero 17 del mensile XL

“LORO NON SANNO COM’E’ FACILE INNAMORARSI DI UNA COME TE PIUTTOSTO CHE MORIRE IMMOBILE MEGLIO MORIRE DI TE… Girano per la strada voci su te e me dicono che la storia la nostra Storia è un’altra Storia Persa….poi… Poi dicono anche che… che SPLENDIDA E PERVERSA…TU ti prendi gioco di me… “

“Domani Si, Adesso No “, dall’album “Cosa succede in città”

Avrei voluto raccogliere tante altre testimonianze, ma per brevità non ho potuto… probabilmente sarei riuscito a salvare solo alcuni testi/canzoni.
Le parole che avete letto sono di Vasco Rossi. Non voglio parlare di “banalità”, “parti di una mente disorganizzata dagli stupefacenti”, o simili amenità… Voglio solo porre all’attenzione di chi legge che quest’uomo è stato insignito di un titolo honoris causa, in particolare quello di Dottore in Scienze della Comunicazione… titolo di cui è stato fregiato anche Valentino Rossi, il famoso motociclista, titolo che altresì troneggia sulle terga della tuta del motociclista…
Non commento oltre, ma mi preme spezzare una lancia a favore delle migliaia e migliaia di parolieri e dei cantautori italiani che non riescono a trovare una collocazione che a diritto e rigor di logica dovrebbe spettar loro. Spezzo una lancia a favore degli artisti sconosciuti, i cui gioielli non vengono acclamati a furor di popoli negli stadi quando gioielli non sono, ma scaldano invece (davvero) il cuore con parole forti, dolci, sensibili… laddove non ci sono titoli che tengono. E una lancia va spezzata anche per tutti quei giovani che, ogni mattina, con speranza, tenacia e caparbietà, occupano i banchi delle aule universitarie per conseguire un titolo equiparabile a quello conferito ai personaggi che ho sopra menzionato. Ma questa è un’altra storia, dirà qualcuno… e allora, come declamava a gran voce Antonio Patrucco (il comico opinionista di Zelig e Colorado Cafè) al termine di ogni suo monologo … “Buioo!!!!”


Aggiornamento:
Pardon, mi ero dimenticato di questa:

“Io sono stato calmo fino adesso Ma non sopporto più questo buonismo questo preoccuparsi del diluvio universale della pace nel mondo quando non mi interesso neanche del mio condominio o del consiglio comunale dove vivo. Mi commuovo vedendo le immagini in tivù di bambini affamati e gente disperata in Nigeria poi non faccio niente per quei lavavetri lì al semaforo che anzi mi danno fastidio! Sono pronto a cancellare il debito dei paesi del terzo mondo ma non sono pronto a con-dividere neppure un privilegio, nemmeno un soldo mio che ho in banca con quegli albanesi che vivono laggiù nella piazza all’angolo. Raccolgo soldi per far beneficenza con Telethon facendo spettacolo in tivu’ e non tiro mai fuori un “ghello” di tasca mia… Io sono buono e tu sei cattivo perchè non fai un cazzo! Io sono buono e gli altri sono tutti una manica di fessi Io sono stato calmo fino adesso”

tratto dal mensile XL numero 4

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...