Moreau/Cousteau e la Nova Scotia

 

La band inglese Cousteau, che erroneamente si ritiene francese (anche se l’appeal del nome – omaggio al  celebre  oceanografo Jacques Cousteau – fornisce qualche legittimo sospetto), ribattezzata Moreau per l’occasione sbarca discograficamente in terra d’oltreoceano, con un omaggio alla provincia canadese Nova Scotia. Si tratta di un album in riedizione, che aggiunge alla precedente edizione (dell’Aprile 2005) due nuovi brani, “Nova Scotia” ed “A world away”.

Svincolatisi in breve dall’etichettatura del circuito internazionale di “pop music”, fieri portabandiera del brit-pop d’annata, i Cousteau hanno ritrovato una personale dimensione artistica, che già comunque avevano reso (parzialmente?) evidente col raffinato brano “The last good day of the year” di qualche tempo fa, comunque di netta ispirazione d’oltramanica rispetto ai loro territori anglosassoni.

Annunci

2 thoughts on “Moreau/Cousteau e la Nova Scotia

  1. Ciao, leggevo per caso il tuo blog perchè cercavo info su di una canzone, precisamente Wolrd Away. Ho letto il paragrafo e non sono d\’accordo su alcune cose. Primo, del fatto che i cousteau si ritengono francesi, difficile con un cantante irlandese, un (ex) scrittore di canzoni australiano e il resto della band inglese. Si può dire che molte canzoni sono ispirate o fanno rifermiento al mare, quindi si fa un omaggio all\’oceanografo e niente più.
    Secondo, i cousteau non hanno niente a che fare con il brit pop. Dovresti ascoltare i Suede per farti un\’idea del brit pop..

  2. Ciao, non mi pare di aver detto che i Cousteau si ritengono francesi, perchè so (e sanno) bene che non lo sono. Quello che dicevo riguarda l’influenza e i sapori musicali che in qualche modo ricalcano alcune ali musicali della Francia.
    In secondo luogo, direi di non soffermarci troppo sui generi, perchè sono così limitanti… pensa che anche quel “gruppo musicale” denominato Aqua fu etichettato come una band brit-pop, quindi ti lascio immaginare…!!! Penso invece sia meglio distinguere tra buona e cattiva musica, distinzione che sorvola ogni restrizione categorizzante, e i Cousteau rientrano sicuramente nella prima di queste categorie.
    I miei saluti e grazie per il tuo intervento.
    Sebastian alias Gringoire

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...