I principi della drammaturgia di Ionesco

Rhinoceros_ionesco.gif

 

I principi della drammaturgia di uno dei grandi del teatro dell’Assurdo, il signor Eugène Ionesco, rumeno di nascita, ma francese d’adozione:

  • Estrema disarticolazione del linguaggio teatrale
  • Proliferazione degli oggetti in scena
  • Descrizione di un mondo assurdo e inquietante
  • Visione onirica del reale
  • Introspezione psicoanalitica molto profonda (in Vittime del dovere proprio quando la trama sembra una parodia dell’inchiesta poliziesca, il personaggio Choubert sposta l’attenzione sul proprio io, scavando nel profondo e trovando immagini d’infanzia. Esprime così il suo dolore: “Padre, noi non ci siamo mai capiti… Puoi ancora sentirmi? TI obbedirò, perdonaci, noi ti abbiamo perdonato… Mostra il tuo volto!“).
informazioni tratte da Wikipedia, l’enciclopedia libera
Annunci

2 thoughts on “I principi della drammaturgia di Ionesco

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...