Tutta l’antidemocrazia è paese

nepal1.jpg

Il titolo di questo post è una parafrasi di un celeberrimo detto, che ho preso in prestito e riadattato (forse non in forma concettualmente ineccepibile…) per parlare di un argomento che mi sta particolamente a cuore, e che spesso adopero come “radice” per eventuali diramazioni. Si tratta della libertà di espressione, di pensiero, di parola, espressa sotto la forma del diritto alla manifestazione, che sia essa civile e senz’armi, come la nostra stessa Costituzione sancisce. Ciononostante, recenti accaduti (italiani) mi hanno dato da pensare che della nostra beneamata Carta Costituzionale se ne faccia, sempre più spesso, il classico “baffo”.

A mio modesto parere, è sulla libertà d’opinione e di pensiero, in antecedenza a qualsiasi altro fattore, che ci si può/deve basare per l’inizio di un qualsiasi progetto democratico (non a caso la parola è una crasi dei temini greci DEMOS, ossia Popolo, e KRATOS, ossia governo, cioè Governo del popolo, e si può parlare di governo come di un organo che non può esprimere la propria opinione?).

Possiamo, comunque, crogiolarci nelle statistiche, o meglio nei dati di fatto : l’Italia non è il solo paese al mondo dove è necessario percorrere impervie, tortuose strade, spesso tronche o cieche, per esprimere la propria opinione, il proprio pensiero, un qualsiasi dissenso in una libera e pacifica aggregazione di piazza. In alcuni post precedenti ho parlato della Cina, oltre che dell’Italia. Potrei ora parlare dell’ America, che di sicuro detiene un posto di rilievo non indifferente sulla scala dell’antidemocrazia; potrei parlare di alcune regioni dell’Africa settentrionale (sulle quali in un futuro prossimo venturo mi soffermerò di certo) e dell’Asia orientale; potrei dissertare dei sedati malumori della Russia, della Polonia, degli stati dell’Est; in questo post però voglio accentrare la mia (e, spero, la vostra) attenzione su uno stato minuscolo, il Nepal, che nell’immagine che tutti noi conserviamo di questo stato, appare come una terra ridente, intrisa di culture affascinanti e arcane, dedita all’agricoltura ed alla pastorizia.

Questo è giusto, ma è bene osservare che tutto ciò è controllato, predominato dalla più antica forma antidemocratica di governo : la monarchia, nella sua peggiore accezione : quella despotica. La notizia che segnalo è del 10 Dicembre dell’ anno scorso (il 2005), giorno in cui cade il 57° anniversario della Dichiarazione Universale dei Diritti dell’Uomo, firmata a New York nell’ormai lontano anno 1948. In occasione di tale evento, nella capitale del Nepal, Kathmandu, migliaia di persone erano scese in piazza per protestare e opporsi alla dittatura del re Gyanendra, che dal febbraio del 2005 detiene di fatto un potere assoluto all’interno del piccolo Stato. Nel momento in cui i dimostranti hanno tentato di oltrepassare il limite della ‘zona di sicurezza’ intorno al palazzo reale e alla segreteria di Stato – all’interno della quale, per decisione del re medesimo, non possono avvenire manifestazioni – la polizia ha utilizzato i cannoni (ad acqua, fortunatamente) per disperdere la folla, procedendo all’arresto di almeno 30 persone.

Alle proteste delle migliaia di persone che chiedono che il dittatore Gyanendra venga deposto, ponendo così fine al suo dispotico regime, le autorità si sono limitate a concise risposte, argomentando che il Governo sta procedendo sulla via della giustizia, punendo tutti i responsabili delle violazioni dei diritti umani perpetrate nei mesi scorsi: 51 tra soldati e ufficiali sarebbero stati arrestati in Dicembre e altri 34 sarebbero stati espulsi dall’esercito.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...